Attenzione ! Leva fissa.

I certificati a leva fissa permettono di posizionarsi al ribasso e al rialzo con un effetto leva che può essere pari a 3, 5 o anche 7 volte. Sono caratterizzati da una leva che rimane fissa intraday grazie a un meccanismo di restrike giornaliero. Sono studiati per l’operatività di breve e brevissimo termine.

Qui di sotto troviamo una tabella che rappresenta i valori reali di un sottostante e di 2 certificati a leva +5X / – 5X.

Data Azione%Leva -5X%Leva 5X%
Gen 27544.8
0.703
77.55
Gen 28563.23.38%0.608-13.51%91.5518.05%
Gen 29571.51.47%0.571-6.09%98.37.37%
Gen 30639.711.93%0.254-55.52%157.259.92%
Gen 31636.5-0.50%0.2581.57%149.5-4.90%
Feb 3730.614.78%0.084-67.44%265.277.39%
Feb 4894.022.37%0.0045-94.64%549.7107.2%
Feb 5779.9-12.7%0.007566.67%221.6-59.69%
Totale
43.15%
-98.9%
185.7%
Teorico


-215.7%
215.7%
Andamento certificati a leva – dati: certificatiederivati.it

I primi giorni i certificati a leva seguono abbastanza fedelmente il sottostante ma non perfettamente, cosa che si nota il giorno 3 febbraio in cui la leva X5 replica bene il sottostante e al contrario il -5X contiene un po’ la perdita. Il 4 febbraio la cosa si vede ancora meglio, quando il -5X avrebbe dovuto fare -110% ma, per un meccanismo di restrike intraday del certificato che impedisce al certificato di perdere più del 100%, si ferma a -94%.


Nei certificati non ci sono dei margini di garanzia (a differenza di futures, opzioni etc..) iniziali e successivi, perciò questo meccanismo di restrike intraday (che differisce da quello giornaliero a fine giornata ) viene comunicato dall’emittente in questa forma:

“Con riferimento al Certificate XYZ, si comunica che, il giorno xx/xx/2020, si è verificato l’Evento di
Restrike Infra-giornaliero….”

La combinazione del naturale restrike giornaliero, della elevata volatilità e del restrike intraday da essa causato porta in meno di 2 settimane a dei risultati molto distanti da quelli teorici. Il +5X fa 185% invece di 215%, il -5X -98.9% invece di -215% .

Anche gli ETP a leva fissa soffrono del Compounding Effect dato dal  meccanismo di restrike, che viene effettuato sulla base della chiusura dell’indice di riferimento del giorno lavorativo precedente.

Prestiamo dunque attenzione all’utilizzo della leva fissa in caso di posizioni aperte per più giorni. In questo caso meglio utilizzare certificati con leva variabile o altri strumenti derivati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...